Cure e rimedi naturali con il Cumino dei prati

Cumino dei prati
© Photo by H. Zell

Proprietà naturali del Cumino dei prati

carminativo, digestivo, emmenagogo, galattogogo.

Parti utilizzate del Cumino dei prati

frutti (maggio-settembre, dopo il secondo anno), radice; frutti raccolti dalle ombrelle dopo l'essiccamento.

Elementi estratti dalla pianta del Cumino dei prati

olio essenziale contentente carvone e limonene, acidi grassi, protidi, glucidi, tannino, cellulosa.

Cure e rimedi con la pianta del Cumino dei prati

Descrizione della pianta del Cumino dei prati

I Greci chiamavano questa pianta col nome di karon, e gli arabi col nome di  karwaia. Presente nelle regioni a clima freddo, questa piccola pianta Ombrellifera bianca, veniva chiamata, nel Medioevo, carvi. Nell'antichità era molto apprezzata per le sue proprietà carminative; nei Paesi nordici si usano i frutti per aromatizzare dolci e salumi, pane e formaggi. 
Molto gradita dal bestiame è un buon foraggio; se essiccata facilita la digestione e aumenta la secrezione lattea della vacche e delle femmine degli ovini. Ai cavalli può dare brio, aggiungendo un cucchiaio di semi alla razione quotidiana di avena, per una settimana. I semi sono nocivi per i piccoli uccelli mentre ne sono ghiotti i piccioni. 
L'essenza di questa pianta è tossica per l'uomo. Il cumino dei prati si differenzia dalla carota selvatica per i suoi fiori bianchi, mentre i semi sono spesso confusi con quelli del cumino.

Attenzione!

l'essenza del cumino dei prati è tossica per l'uomo.

Nomi comuni del Cumino dei prati

Kümmel, Carvi, Cumino tedesco, Garvese, Anice dei Vosgi, Finòcc selvadegh

Nome scientifico del Cumino dei prati

Carum carvi L.

Galleria immagini del Cumino dei prati

Il botanico che ha classificato il Cumino dei prati

Classificazione del Cumino dei prati

Riconoscere la pianta del Cumino dei prati

da 30 a 60 cm. biennale o pluriennale, fusto eretto, ramificato alla base, glabro, scanalato longitudinalmente; foglie pennatosete con segmenti ancora divisi in lacinie strete, quelle inferiori picciolate, quelle superiori sessili; fiori bianchi (maggio-luglio), a ombrelle con 6-16 raggi molto ineguali; radice fusiforme; frutto ovoidale, brunastro. Odore molto aromatico; sapore piccante.

Habitat del Cumino dei prati

abbastanza diffuso nell'Italia settentrionale, nelle praterie, e lungo i viottoli di montagna; fino a 2.100 m.

Altre piante nella famiglia delle Ombrellifere

Cure e rimedi naturali con le erbe

Obesità

Un disturbo che colpisce spesso anche i bambini. ecco i rimedi.  

Stitichezza

Stitichezza: combatterla con l'aiuto delle piante e dei cibi benefici.  

Tosse

Ecco come far sparire la tosse in maniera del tutto naturale.  

Parto

I consigli per affrontare al meglio il momento del parto e subito dopo  

Bocca

Consigli e rimedi naturali per una bocca bella e sana.  

Piaghe

Come guarire dalle piaghe con l'uso delle erbe medicinali.