Cure e rimedi naturali con il Finocchio selvatico

Finocchio selvatico

Proprietà naturali del Finocchio selvatico

antispasmodico, aperitivo, digestivo, diuretico, emmenagogo, espettorante, galattogogo, tonico, vermifugo, vulnerario.

Parti utilizzate del Finocchio selvatico

foglie fresche, radice (alla fine del 1° anno), frutti (settembre-ottobre).

Elementi estratti dalla pianta del Finocchio selvatico

olio essenziale, sali minerali, vitamine A, B, C.

Cure e rimedi con la pianta del Finocchio selvatico

Descrizione della pianta del Finocchio selvatico

Il finocchio selvatico ama il sole ed è originario delle regiioni mediterranee con terreni ghiaiosi. Vive nelle zone d'Italia allo stato spontaneo.
E' un'Ombrellifera spontanea perenne, elegante, con foglie 2-3 volte pennatosette a divisioni capillari e piccoli fiori gialli in ombrelle. Queste caratteristiche permettono di identificarlo e di distinguerlo dall'aneto i cui frutti sono cerchiati da un margine alato e le cui foglie superiori hanno la lamina più lunga del picciolo.
Esistono molte varietà di questa pianta che producono frutti più o meno dolci, pepati o amari e una varietà coltivata di cui si mangia la base carnosa delle foglie.
Molto ricca di un'essenza costituita soprattutto di anetolo, stimolante e digestivo, che è presente in modo più attivo nei semi. Essi si usano per aromatizzare pesci, castagne, olive. Le ombrelle e i rami per le carni suine. 

Attenzione!

semi: attenersi alle dosi.

Nomi comuni del Finocchio selvatico

Fenuggiu, Anito, Madaro, Fenju agro

Nome scientifico del Finocchio selvatico

Foeniculum vulgare (Mill.) Gaertn.

Galleria immagini del Finocchio selvatico

I botanici che hanno classificato la il Finocchio selvatico

Classificazione del Finocchio selvatico

Riconoscere la pianta del Finocchio selvatico

da 80 cm a 2 m. perenne, fusto ramificato, verde striato di bluastro, lucido, pieno; foglie verde-blu scuro, brillanti, picciolate, guaina larga, alta sul fusto, più lunga delle foglie divise in lacinie filiformi, capillari; fiori gialli (giugno-agosto), piccoli, raccolti in grandi ombrelle terminali; frutti grigio-scuro, glabri, cilindrici-affusolati, striati, 2 stili corti; guaine della base carnose, su ceppo legnoso, forte. Odore aromatico; sapore piccante.

Habitat del Finocchio selvatico

Italia, dalle regioni costiere marittime fino alle regioni submontane.

Altre piante nella famiglia delle Ombrellifere

Cure e rimedi naturali con le erbe

Eritema

Arrossamenti, irritazione. Dalle piante lozioni e pediluvio scozzese.  

Polmoni e respirazione

Come alleviare i problemi respiratori con i rimedi naturali.  

Alitosi

I consigli per un alito sempre fresco con l'aiuto della natura.  

Tabagismo

Combatti il tabagismo con l'uso di piante officinali.  

Escara

Escara: cos'è e come si forma? Scopri i nostri rimedi naturali.  

Abbronzatura

Scopri come avere un'abbronzatura perfetta e mantenerla a lungo