Cure e rimedi naturali con l'Angelica

Foto Angelica

Proprietà naturali dell'Angelica

antisettico, aperitivo, carminativo, digestivo, stomachico, sudorifero, tonico.

Parti utilizzate dell'Angelica

foglie (maggio-giugno), fusto (giugno-luglio), radice (autunno), semi (tagliare le ombrelle in luglio).

Elementi estratti dalla pianta dell'Angelica

cumarina, acidi, cera, tannino, glucidi.

Cure e rimedi con la pianta dell'Angelica

Descrizione della pianta dell'Angelica

Pianta rara in Italia allo stato spontaneo. Cresce in zone riparate dal vento, soleggiate, e rinfrescate da ruscelli, in alcuni valloni delle Alpi e degli Appennini. Si trova più facilmente la specie silvestri che è meno alta, meno profumata, con fusti più sottili e con foglie verdi sulle due pagine. Le proprietà delle specie archangelica e silvestris sono simili: ma chi avrà visto una volta la Angelica archangelica con le sue grandi ombrelle giallo-verdi in piena fioritura, brulicanti di api e di insetti, e avrà respirato il profumo forte e muschiato, che si sprigiona dalle foglie strizzate tra le dita, sicuramente non potrà più confondere le due diverse specie.

La leggenda vuole che sia stato l’arcangelo Raffaele a far conoscere agli uomini l’angelica, le cui proprietà, vantate dagli antichi, erano talvolta quasi miracolose: debellava la peste, neutralizzava gli effetti dei veleni, prolungava la durata della vita. Ai nostri giorni, le virtù dell’angelica sono state ridimensionate; è apprezzata come stimolante dell’apparato digerente e come antisettico.

Attenzione!

non toccare la pianta a mani nude. Il succo è irritante per le mucose e per la pelle.

Nomi comuni dell'Angelica

Angelica di Boemia, Arcangelica, Angelica dei giardini, Sambugari, Bragosse, Erba degli angeli, Angelica dorata

Nome scientifico dell'Angelica

Angelica archangelica L.

Galleria immagini dell'Angelica

Il botanico che ha classificato l'Angelica

Classificazione dell'Angelica

Riconoscere la pianta dell'Angelica

da 1,30 a 1,50 m. biennale, fusto rossastro, molto robusto, ramificato; foglie più chiare sotto, incise in 2-3 foglioline larghe, dentate; fiori giallo-verdastri (giugno-agosto), in larghe ombrelle emisferiche, con 20-30 raggi, vellutati all’estremità, stilo molto corto; diacheni piatti con ali ondulate; radice fittonante, grossa, bruna, interno biancastro. Odore aromatico; sapore acre, piccante.

Habitat dell'Angelica

valli di montagna, terreni fangosi, soleggiati; fino a 3.000 m

Altre piante nella famiglia delle Ombrellifere

Cure e rimedi naturali con le erbe

Litiasi

Calcoli renali e biliari: ecco i rimedi con le erbe medicinali.  

Alitosi

I consigli per un alito sempre fresco con l'aiuto della natura.  

Rughe

Scopri i rimedi naturali per contrastare le rughe.   

Occhi

Le piante per mantenere bellezza e trasparenza dello sguardo.  

Intossicazione

In attesa del medico, i consigli con i rimedi naturali.  

Tigna

Colpisce uomini e animali. Scopri i nostri consigli.