Cure e rimedi naturali con la Romice

Romice

Proprietà naturali della Romice

antianemico, astringente, depurativo, diuretico, lassativo, tonico.

Parti utilizzate della Romice

foglie, succo fresco, radice essiccata (ottobre-novembre); pulire senza lavare, essiccare al sole.

Elementi estratti dalla pianta della Romice

un composto contenente ferro, glucosidi, tannoidi.

Cure e rimedi con la pianta della Romice

Descrizione della pianta della Romice

Parente stretto dell'acetosa, però senza il caratteristico sapore acidulo, il romice è amaro, con grandi foglie cuoriformi e piccoli fiori con petali sostituiti da 3 sepali internamente al calice. I 3 sepali esterni, verdastri, costituiscono l'involucro caratteristico del frutto che permette ai botanici di distinguere il romice da specie simili, dotate di proprietà medicinali simili. Oltre al romice si possono trovare altre due specie: nei giardini, Rumex patientia L. e, nei prati umidi, Rumex crispus L. Sono tutte piante perenni di cui si utilizza il succo fresco, le foglie e le radici essiccate, rimedi efficaci, però con azione a lungo termine. Pertanto, per ottenere benefici effetti, si dovrà sopportare per diverse settimane, il sapore ributtante di questa pianta. I farmacisti, per eliminare questo inconveniente, preparano cachets, contententi la polvere delle radici, che si devono inghiottire senza masticare. Le foglie sono depurative, toniche, diuretiche e leggermente lassative; si preparano in insalata o cotte.

Nomi comuni della Romice

Erba pazienza, Lapazio, Rombice dei prati, Lavasso, Acetusa sarvaja

Nome scientifico della Romice

Rumex obtusifolius L.

Galleria immagini della Romice

Il botanico che ha classificato la Romice

Classificazione della Romice

Riconoscere la pianta della Romice

da 50 cm a 1 m. perenne, fusto fiorale, rigido, robusto, scanalato, tinteggiato di rossastro; foglie inferiori alterne, picciolate, con le nervature centrali rossastre, ovali, a cuore; fiori verdastri (giugno-settembre), con pedicelli filiformi, in verticilli riuniti in una lunga spiga, 3 sepali stretti e distesi, 3 sepali triangolari, bordati di valve delle quali 1 o 2 dotate di un granulo, 6 stami, 3 stili con stimma; frutto trigono a 1 seme protetto dalle valve; radice spessa, rugosa, bruna, gialla al taglio. odore acre; sapore amaro, acre.

Habitat

comune nei campi e lungo i fossi, ai margini dei viottoli, in terreni freschi e zone ombreggiate; fino a 1.600 m.

Altre piante nella famiglia delle Poligonacee

Cure e rimedi naturali con le erbe

Artrite

Articolazioni doloranti? Ecco i nostri consigli contro l'artrite  

Comedone

Comedoni: lozioni e maschere con le piante medicinali.  

Appetito

Come regolare l'appetito con le erbe medicinali  

Invecchiamento

Invecchiare bene con le erbe medicinali e un'alimentazione sana.  

Urea

Cos'è l'urea? Come si cura? I segreti per eliminarla con le piante.  

Varici

Un valido aiuto dalle erbe medicinali per le vene varicose.