Cure e rimedi naturali con la Bistorta

Bistorta

Proprietà naturali della Bistorta

antidiarronico, astringente, tonico, vulnerario

Parti utilizzate della Bistorta

rizoma (autunno); sradicare, lavare, taglaire a rondelli, far essicare rapidamnte al sole.

Elementi estratti dalla pianta della Bistorta

tannino, glucisi, vitamina C, acido ossalico

Cure e rimedi con la pianta della Bistorta

Descrizione della pianta della Bistorta

Il bistorto è una pianta perenne i cui ciuffi richiamano molte api. Ha fusto eretto e semplice, marcato dai nodi come altre specie di Polygonum, e lunghe spighe di fiori rosa tenero. A partire dai 500 m., cresce lungo le rive degli stagni, nei fossati e negli acquitrini, lungo i corsi d'acqua e nelle praterie umide di montagna. La sua presenza è segnale che la zona è umida.
Può essere coltivata negli orti per le sue foglie acidule che si cucinano come gli spinaci, ma nelle praterie, non piace al bestiame. A volte i semi vengono somministrati al pollame.
Le proprietà della pianta sono apprezzate fin dal Rinascimento. Il rizoma è la parte più interessante da utilizzare: difficile da stradicare, è bruno e carnoso, di forma strana, serpentino, e, come dice il nome della specia, bistorta, due volte ritorto. Prima della scoperta degli antibiotici, veniva usata come tonico per preventire la tubercolosi e per il trattamento specifico di questa malattia.

Nomi comuni della Bistorta

Poligonia, Lazzuola, Biaveta, Lavazzuola, Sarasin salvadi, Serpentina

Nome scientifico della Bistorta

Polygonum bistorta L.

Galleria immagini della Bistorta

Il botanico che ha classificato la Bistorta

Classificazione della Bistorta

Riconoscere la pianta della Bistorta

da 30 cm a 1 m. perenne, uno o più fusti sottili, semplici, eretti, cilindrici, striati, nodosi, con poche foglie; foglie basali picciolate verde scuro e glabre sopra, glauche sotto, grandi, oblunghe o laceolate, bordo della lamkina ruvido, scorrente lungo i piccioli, foglie superiori sessili, inguainati il fusto; fiori rosa tenero (maggio-luglio), in spighe terminali, compatte, 5 divisioni petaloidi, 8 stami sporgenti, 3 stili liberi; achenio trigno, bruno, liscio; rizoma carnoso, profondo, 2 volte rutorto, bruno con polpa rossastra. Inodore, sapore acido (foglie) amaro (rizoma).

Habitat della Bistorta

pascoli umidi delle Alpi e delgi Appennini, escluse le regioni mediterranee.

Altre piante nella famiglia delle Poligonacee

Cure e rimedi naturali con le erbe

Diarrea

Come curare la diarrea con i consigli e i rimedi naturali.  

Morbillo

Le piante medicinali che agiscono sull'eruzione cutanea.  

Alitosi

I consigli per un alito sempre fresco con l'aiuto della natura.  

Urina

Ecco i consigli per le infezioni dell'apparato urinario.  

Ipotiroidismo

Le laminarie: piante benefiche per la tiroide. Scopri i rimedi.  

Faringite

Faringite o mal di gola, un disturbo risolvibile anche con le piante.