Cure e rimedi naturali con la Brunella

Brunella

Proprietà naturali della Brunella

astringente, cicatrizzante, detergente

Parti utilizzate della Brunella

pianta intera, senza la radice (giugno-ottobre); essicate in locale aerato.

Elementi estratti dalla pianta della Brunella

tannino, tracce di lipidi e di essenze, principi, amari e resinosi

Descrizione della pianta della Brunella

Ci sono diverse specie e sottospecie di piante del genere di brunella che sono poco diverse le une dalle altre e che posseggono tutte le medesime proprietà. Questa è una pianta piccola dai grandi fiori labiati, blu-violacei, che attirano le api con il loro eccellente nettare. 
La brunella assomiglia alla bugula, appartenente a un genere botanico affine, ma due caratteri particolari permettono facilmente di riconoscerle: la bugula ha fiori disposti sul fusto in diversi verticilli, mentre quell della brunella sono raccolti in grappoli terminali; le foglie della bugula si attacano al fusto mediante l'assottigliamento della lamina fogliare, mentre le foglie della brunella sono picciolate.
L'origine del suo nome, dal tedesco braun, potrebbe riferirsi al colore scuro del calice.
La brunella è stata oggetto di un esperimento di acclimatazione di addattamento all'altitudine sulle Alpi e sui Pirenei. In vent'anni si ottennero soggetti bassi e folti molto più colorati e soprattutto meglio organizzati anatomicamente per intensificare la fotosintesi clorofilliana. I fiori, più grandi, erano di colore più vivo.
Nell'antichità, nel Medioevo e attualmente non si dà molta importanza all'zione medicinale della brunella. In alcuni Paesi si consumano giovani germogli in insalata.

Nomi comuni della Brunella

Morella, Erba mora, Consolida maggiore, Consolida minor, Brattolinca femina

Nome scientifico della Brunella

Brunella vulgaris L.

Galleria immagini della Brunella

Il botanico che ha classificato la Brunella

Classificazione della Brunella

Riconoscere la pianta della Brunella

da 5 a 70 cm. Pianta perenne, poco villosa; fusto prostrato, ascendente; foglie ovali, picciolate, poco dentate; fiori (giugno-ottobre), calice bruno biliabiato, corolla blu-violacea, 4 stami sotto il labbro superiore a elmo, labbro inferiore trilobato, raccolti in spiga, con alla base brattee larghe e contigue alle foglie superiori. Odore appena aromatico.

Habitat della Brunella

in tutta Italia, nei luoghi erbosi, nei boschi, lungo i viottoli, nei terreni calcarei, permeabili; fino a circa 2.000 m.

Altre piante nella famiglia delle Labiate

Cure e rimedi naturali con le erbe

Morbillo

Le piante medicinali che agiscono sull'eruzione cutanea.  

Magrezza

Magrezza: fatti aiutare dai nostri consigli e dai rimedi naturali.  

Tabagismo

Combatti il tabagismo con l'uso di piante officinali.  

Vescichetta biliare

Gli infusi e i decotti per regolarizzare il fusso biliare  

Irritabilità

Nervosismo? Scopri come alleviare le tensioni con la camomilla.  

Artritismo

Cos'è l'artritismo e perche si manifesta? Le cure con frutta e verdura