Cure e rimedi naturali con l'Arnica

Cure e rimedi naturali con l'Arnica

Proprietà naturali dell'Arnica

astringente, cicatrizzante, starnutorio, sudorifero.

Parti utilizzate dell'Arnica

foglie essiccate, fiori (luglio), radice (settembre); essiccare rapidamente all’ombra in luogo aerato.

Elementi estratti dalla pianta dell'Arnica

olio essenziale, resina, tannino, acido malico, cera, gomma, silicio, pigmenti.

Cure e rimedi con la pianta dell'Arnica

Descrizione della pianta dell'Arnica

L’origine del nome Arnica è abbastanza oscura; potrebbe essere una deformazione del greco ptarmica, termine che significa che fa starnutire. Ignota nell’antichità, questa pianta viene citata per la prima volta da S. Ildegarda e, in seguito, utilizzata dalla Scuola medica di Salerno. Nel XVI secolo, Mattioli la descrisse e la disegnò, poi i medici la prescrissero, più o meno opportunamente. Su di essa ci furono discussioni interminabili riguardo le sue virtù terapeutiche e gli eventuali danni che potava causare. L’arnica, nel XIX secolo era chiamata la china dei poveri, per le sue proprietà febbrifughe (espressione maliziosamente rovesciata dai suoi detrattori in povera china). Ai giorni nostri, è stata riconosciuta come un tossico pericoloso per la maggior parte dei visceri e del sistema nervoso. Bisogna perciò destinarla a uso esterno, sia per gli uomini sia per gli animali, salvo prescrizione medica. L’arnica è una pianta perenne di montagna, di cui i montanari fumano le foglie; come succedaneo del tabacco è utile nel caso di una cura disintossicante.

Attenzione!

senza una precisa prescrizione medica, riservarla a uso esterno.

Nomi comuni dell'Arnica

Battonica, Piantagine delle Alpi, Stranudèla, Tabach de montagna, Tabacco dei Vosgi

Nome scientifico dell'Arnica

Arnica montana L.

Galleria immagini dell'Arnica

Il botanico che ha classificato l'Arnica

Classificazione dell'Arnica

Riconoscere la pianta dell'Arnica

da 20 a 60 cm. perenne, fusto fiorale eretto, semplice, glandoloso, peloso; foglie a rosetta alla base, aderenti al suolo, compatte, ovali quelle caulinari più piccole, lanceolate; fiori giallo-arancione (maggio-luglio) in grossi capolini solitari e, completati, sotto, da 2 più piccoli all’ascella di brattee opposte, 15-20 fiori ligulati all’esterno, fiori tubolosi al centro; achenio peloso a piumetto; rizoma obliquo, bruno. Odore aromatico; sapore molto amato.

Habitat dell'Arnica

terreni aridi delle Alpi e dell’Appenino settentrionale; da 600 a 2800 m.

Altre piante nella famiglia delle Composite

Cure e rimedi naturali con le erbe

Tosse

Ecco come far sparire la tosse in maniera del tutto naturale.  

Asma

Asma: consigli pratici e rimedi naturali per prevenirla e curarla  

Litiasi

Calcoli renali e biliari: ecco i rimedi con le erbe medicinali.  

Polmoni e respirazione

Come alleviare i problemi respiratori con i rimedi naturali.  

Cuperosi

Pelle sensibile? Attenzione alla cuperosi. Ecco cosa fare.  

Singhiozzo

Quando il diaframma fa i capricci: ecco le soluzioni naturali.