Cure e rimedi naturali con il Cardo dei lanaioli

Cardo dei lanaioli

Proprietà naturali del Cardo dei lanaioli

aperitivo, depurativo, diuretico, sudorifero

Parti utilizzate del Cardo dei lanaioli

radice (fine estate); essicate a pezzi

Elementi estratti dalla pianta del Cardo dei lanaioli

glucosidi, sali minerali

Cure e rimedi con la pianta del Cardo dei lanaioli

Descrizione della pianta del Cardo dei lanaioli

Col nome cardio si descrive una pianta che punge e il cardo dei lanaioli è tra queste. Il nome scientifico deriva in parte dal greco dipsan akomaï, lenisco la sete, in quanto, le grandi foglie opposte, si saldano alla base, formando una coppa dove si ferma una piccola riserva di acqua piovana e in parte dal latino fullones, lanaioli. Ha grossi capolini ovoidali muniti di brattee in reste acuminate e ricurve. Il fusto e le nervature delle foglie sono spinosi. I fiori di questa pianta hanno la particolarità di essere a metà del capolino per poi aprirsi progressivamente sia verso l'alto che verso il basso.
Il cardo dei lanaioli era ampiamente coltivato I ricettacoli dei capolini della specie coltivata, Dipsacus sativus L., erano adoperati per cardare cioè per eliminare la borra superficiale dei tessuti di lana. Venivano adoperati manualmente ma poi furono applicati alle macchine. 

Nomi comuni del Cardo dei lanaioli

Cardo di Venere, Cardo da panni, Scardaccione, Rissòlu, Pettenaro, Sgarz, Pettini di lupu, cima de pastori

Nome scientifico del Cardo dei lanaioli

Dipsacus fullonum L.

Galleria immagini del Cardo dei lanaioli

Il botanico che ha classificato il Cardo dei lanaioli

Classificazione del Cardo dei lanaioli

Riconoscere la pianta del Cardo dei lanaioli

da 80 cm a 2 m. biennale robusto, munito ovunque di corti aculei, ramificato; fusti eretti, pungenti, che terminano con teste irsute, ovoidali, con involucro di lunghe foglioline; foglie intere, opposte, nervature spinose, lamine saldate alla base che formano una conca per raccogliere le pioggia e la rugiada; fiori rosa-lilla o lilla (luglio-agosto), corti corolla tubolosa, 4 lobi, calice cortissimo achenio a 8 coste.

Habitat del Cardo dei lanaioli

diffuso un poco ovunque in Italia; è facile trovarlo lungo i fossi, nei terreni incolti e  argillosi, tra ruderi; fino a 800 m.

Altre piante nella famiglia delle Dipsacacee

Cure e rimedi naturali con le erbe

Morbillo

Le piante medicinali che agiscono sull'eruzione cutanea.  

Reni

Per chi soffre di problemi ai reni, ecco come risolverli con le piante  

Chinetosi

Come attenuare questo malessere con i rimedi naturali.  

Leucorrea

Cosa fare in caso di perdite bianche? I consigli utili dalla natura.  

Gotta

Gotta: scopri come ridurre l'eccesso di acido urico nell'organismo  

Angina

Cos'è l'angina? Cause, sintomi e rimedi naturali.