Ricerca
Condividi
Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su Google+ Condividi su facebook
Erboristerie
Service

Le piante medicinali

E’ risaputo, fin dai tempi antichi, delle grandi proprietà terapeutiche di cui sono dotate le piante medicinali. L’osservazione casuale che una foglia, posta su una ferita, dava sollievo, o procurava una più rapida guarigione, non sfuggì all’uomo primitivo.

Le più antiche civiltà conoscevano le proprietà curative e l’uso che si poteva fare di queste piante. L’innata paura degli esseri umani nei confronti delle malattie e sofferenze corporee ha stimolato l’umanità a ricercare e sfruttare le risorse naturali.

Infatti, in tutto il mondo, le civiltà si sono dedicate, oltre che alla domesticazione e alla coltura di piante a scopi alimentari, anche alla ricerca di piante con proprietà terapeutiche.

La fitoterapia è una pratica che utilizza appunto queste piante, o estratti, per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere.

Attraverso i millenni l’insieme di queste nozioni si è approfondito, e anche diversificato, senza mai essere dimenticato. Grande riconoscimento ha la scienza moderna che con il progresso ha reso più profonde queste conoscenze.

Oggi, nonostante l’enorme sviluppo raggiunto dalla chemioterapia, la fitoterapia è sempre molto utilizzata e gode di un rinnovato successo dopo la constatazione delle conseguenze nocive dovute all’abuso di prodotti chimici.

Gli esperti dell’O.M.S. (Organizzazione Mondiale per la Sanità) hanno riconosciuto che mediante le piante medicinali e le relative droghe, in molte affezioni morbose, è possibile una “terapia blanda” con valide possibilità, scientificamente dimostrabili - talvolta preferenziali -  con minori inconvenienti della terapia praticata con sostanze sintetiche.

Ma anche la fitoterapia ha degli inconvenienti. Fra le piante medicinali non si conoscono “piante miracolose” ma se opportunamente somministrate, possono talvolta sostituire, talaltra affiancare, la terapia eseguita con i farmaci di sintesi: esse non devono essere supervalutate nella loro efficacia, ma neppure sottovalutate, come spesso fa il medico che non ha ricevuto questo insegnamento.

 
Newsletter
Rimani aggiornato iscrivendoti alla nostra newsletter!